EP Application Suite

Nicola CAPUTO


EUROPEAN GROUP
S/D
COUNTRY
Italy

NATIONAL GROUP
Partito Democratico

ATTENDANCE IN PLENARY SESSIONS +info
98%
275 out of 278 sessions attended.

PARTICIPATION IN ROLL-CALL VOTES
98%
10060 out of 10253 votes during the mandate.

SITTING INFO
DATE:
Show Agenda
NUMBER:
MINUTES:
RCV RESULT:
VOTES ON THIS SITTING:
China, notably the situation of religious and ethnic minorities
(RC-B8-0255/2019)
12:12:16 Résolution


Brunei
(RC-B8-0242/2019)
12:12:54 Am 2
12:13:15 Am 3


Eurojust-Denmark Agreement on judicial cooperation in criminal matters
(A8-0192/2019)
12:13:53 Vote unique
WRITTEN EXPLANATION OF VOTE (A8-0192/2019)

. – Oggi ho votato a favore dell'accordo di cooperazione giudiziaria penale tra Eurojust e il Regno di Danimarca. L'accordo di cooperazione giudiziaria penale tra Eurojust e il Regno di Danimarca, è necessario a seguito della "lisbonizzazione" di Eurojust. Alla luce dello status speciale assunto dalla Danimarca nell'ambito della giustizia penale, a seguito del trattato di Lisbona, la Danimarca non partecipa al nuovo regolamento e non è da esso vincolata. Tuttavia, la Danimarca ha manifestato il desiderio di continuare a partecipare alle attività di Eurojust. A tal fine è necessaria la conclusione di un accordo di cooperazione tra la Danimarca ed Eurojust (analogo all'accordo che la Danimarca ha dovuto concludere in seguito alla "lisbonizzazione" di Europol).
--------
[EN] . - Today I voted in favor of the criminal justice cooperation agreement between Eurojust and the Kingdom of Denmark. The criminal justice cooperation agreement between Eurojust and the Kingdom of Denmark is necessary following the Lisbonization of Eurojust. In light of Denmark's special status in the area of criminal justice following the Lisbon Treaty, Denmark does not participate in and is not bound by the new regulation. However, Denmark has expressed a desire to continue participating in Eurojust's activities. This requires the conclusion of a cooperation agreement between Denmark and Eurojust (similar to the agreement that Denmark had to conclude following the lisbonization of Europol).



Coordination of social security systems
(A8-0386/2018)
12:16:10 vote procédural
WRITTEN EXPLANATION OF VOTE (A8-0386/2018)

Oggi ho votato a favore del regolamento in questione, riguardante il coordinamento e sistemi di sicurezza sociale.Lo scopo principale è quello di preservare la continuità dei diritti sociali dei cittadini e la promozione di una mobilità efficiente in Europa.Per garantire ciò, occorre potenziare la cooperazione tra le autorità competenti e il principio di leale cooperazione. È necessario inoltre, sviluppare nuove modalità di incontro, come l'introduzione della Crossroads Bank for Social Security e di una rete telematica che colleghi le istituzioni della sicurezza sociale, in modo da promuovere la digitalizzazione delle procedure e ottimizzare gli scambi e la comunicazione tra gli enti.
--------
[EN] Today I voted in favor of the regulation in question, concerning coordination and social security systems. The main purpose is to preserve the continuity of citizens' social rights and the promotion of efficient mobility in Europe. To ensure this, we need to strengthen the cooperation between competent authorities and the principle of loyal cooperation. It is also necessary to develop new ways of meeting, such as the introduction of the Crossroads Bank for Social Security and a telematic network linking the social security institutions, in order to promote the digitalization of procedures and optimize exchanges and communication between bodies.



CO2 emission performance standards for new heavy-duty vehicles
(A8-0354/2018)
12:16:35 Am 90
WRITTEN EXPLANATION OF VOTE (A8-0354/2018)

. – Oggi ho votato a favore della proposta di regolamento che definisce i livelli di prestazione in materia di emissioni di CO2 dei veicoli pesanti nuovi. Il settore dei trasporti, le cui emissioni sono in aumento, deve fornire un contributo sostanziale agli sforzi dell'Unione nell'ambito del clima. Ritengo quindi che ridurre le emissioni di CO₂ generate dal settore dei trasporti sia essenziale. Qualsiasi ritardo nel settore comporterebbe sforzi notevoli da parte degli altri settori, compresa l'agricoltura, per garantire il rispetto degli impegni assunti nel quadro dell'accordo di Parigi. Mercati importanti per i veicoli pesanti, come Stati Uniti, Canada, Giappone e Cina, hanno recentemente introdotto obblighi di riduzione delle emissioni e/o del consumo di carburante per i veicoli pesanti, allo scopo di stimolare l'innovazione e garantire uno rapido sviluppo e una rapida diffusione delle tecnologie a basse o zero emissioni nel settore. Per rispondere a tale pressione crescente della concorrenza mondiale, i produttori di veicoli pesanti dell'UE devono investire rapidamente nelle tecnologie a basse o zero emissioni. Per evitare che tali investimenti si dirigano unicamente verso i mercati non europei in cui sono state istituite norme volte a ridurre le emissioni, è necessario che anche l'UE stabilisca obblighi analoghi.
--------
[EN] . - Today I voted in favor of the proposal for a regulation defining the CO2 performance levels of new heavy vehicles. The transport sector, whose emissions are increasing, must make a substantial contribution to the Union's climate efforts. Therefore, I believe that reducing CO₂ emissions from the transport sector is essential. Any delay in the sector would entail significant efforts by other sectors, including agriculture, to ensure compliance with the commitments made under the Paris Agreement. Important markets for heavy vehicles, such as the United States, Canada, Japan and China, have recently introduced obligations to reduce emissions and / or fuel consumption for heavy vehicles, in order to stimulate innovation and ensure rapid development and a rapid spread of low or zero emission technologies in the sector. To respond to this growing pressure from global competition, EU heavy-duty vehicle manufacturers must quickly invest in low- or zero-emission technologies. In order to avoid such investments going only to non-European markets where rules to reduce emissions have been established, the EU must also establish similar obligations.



Promotion of clean and energy-efficient road transport vehicles
(A8-0321/2018)
12:17:01 Am 87
WRITTEN EXPLANATION OF VOTE (A8-0321/2018)

. – Oggi ho votato a favore della proposta di direttiva, relativa alla promozione di veicoli puliti e a basso consumo energetico nel trasporto su strada. L'obiettivo di questa proposta, è di aumentare la diffusione dei veicoli puliti, vale a dire dei veicoli a basse emissioni o a zero emissioni, negli appalti pubblici e quindi, a contribuire a ridurre le emissioni complessive dei trasporti e ad aumentare la competitività e la crescita nel settore dei trasporti. L'appalto pubblico rimane uno strumento importante di stimolo della domanda anche nel campo dei trasporti pesanti. I fabbricanti dell'UE devono tuttavia essere tutelati dalla concorrenza sleale. Pertanto, bisogna proporre che i veicoli adibiti al trasporto su strada che sono prodotti da fabbricanti con sede in paesi terzi ,nei quali i fabbricanti dell'UE non hanno accesso alle offerte mediante appalti pubblici per l'acquisto, il leasing, la locazione o la vendita a rate di veicoli adibiti al trasporto su strada, non siano presi in considerazione ,ai fini del conseguimento degli obiettivi minimi di appalto.
--------
[EN] . - Today I voted in favor of the proposal for a directive on the promotion of clean and energy-efficient vehicles in road transport. The objective of this proposal is to increase the spread of clean vehicles, i.e. low-emission or zero-emission vehicles, in public procurement and therefore, to help reduce overall transport emissions and increase competitiveness and growth in the transport sector. Public procurement remains an important tool for stimulating demand also in the field of heavy transport. However, EU manufacturers must be protected from unfair competition. Therefore, it should be proposed that road transport vehicles which are produced by manufacturers based in third countries, where EU manufacturers do not have access to tenders through public procurement for the purchase, lease, rental or leasing sale in installments of vehicles used for road transport, are not taken into account, in order to achieve the minimum contract objectives.



Use of digital tools and processes in company law
(A8-0422/2018)
12:17:22 Am 41
WRITTEN EXPLANATION OF VOTE (A8-0422/2018)

. – Oggi ho votato a favore della proposta di direttiva relativa all'uso di strumenti e processi digitali nel diritto societario. Nell'UE, se si guarda agli strumenti online, di cui le imprese possono disporre nei contatti con le autorità in materia di diritto societario, si notano differenze considerevoli tra uno Stato membro e l'altro. Il livello dei servizi di e-government forniti è eterogeneo: alcuni Stati membri sono molto avanzati e forniscono soluzioni interamente online di facile uso, mentre altri non offrono soluzioni online nel campo del diritto societario, ad esempio per la registrazione come persona giuridica. È quindi necessario adeguare il contesto giuridico e offrire un insieme esauriente di misure miranti a dotare l'Unione europea, di norme di diritto societario eque, moderne e in grado di favorire lo sviluppo delle imprese. Apprezzo questa proposta e i suoi obiettivi principali, tra cui la possibilità di creare una società o una succursale interamente online, l'attuazione del principio "una tantum", l'uso di moduli online e l'ampliamento del libero accesso ai documenti del sistema di interconnessione dei registri delle imprese.
--------
[EN] . - Today I voted in favor of the proposal for a directive on the use of digital tools and processes in company law. In the EU, when looking at online tools, which companies can have in contact with company law authorities, there are considerable differences between one Member State and another. The level of e-government services provided is heterogeneous: some Member States are highly advanced and provide user-friendly, entirely online solutions, while others do not offer online solutions in the field of company law, for example for registration as a legal person. It is therefore necessary to adapt the legal context and offer a comprehensive set of measures aimed at equipping the European Union with fair, modern company law rules capable of promoting business development. I appreciate this proposal and its main objectives, including the possibility of creating a wholly online company or branch, the implementation of the one-off principle, the use of online forms and the extension of free access to documents of the interconnection system of business registers.



Cross-border conversions, mergers and divisions
(A8-0002/2019)
12:17:47 Am 340
WRITTEN EXPLANATION OF VOTE (A8-0002/2019)

Oggi ho votato a favore della direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio che modifica la direttiva (UE) 2017/1132 per quanto riguarda le conversioni transfrontaliere, le fusioni e le divisioni.Gli scandali fiscali degli ultimi anni, da Swiss Leaks e Lux Leaks, seguiti dalle rivelazioni con Panama-Papers, Bahama Leaks e Paradise Papers, hanno mostrato come le aziende creino operazioni transfrontaliere e accordi artificiali per evitare o eludere la normativa fiscale nazionale. Il livello di armonizzazione del diritto societario in Europa è stato in generale basso. Gli Stati membri non dispongono di strumenti adeguati per controllare e valutare un'operazione transfrontaliera o salvaguardare gli interessi dei principali soggetti interessati dalla loro legislazione nazionale quando si tratta di mobilità transfrontaliera delle imprese.La direttiva introduce misure volte a combattere la costituzione di società letterbox in tutto il mercato interno. Tuttavia, tali protezioni devono essere ragionevoli e proporzionate e non agire come deterrente che impedisce all'imprenditore onesto di espandere la propria attività oltrefrontiera.
--------
[EN] Today I voted in favor of the European Parliament and Council directive amending directive (EU) 2017/1132 as regards cross-border conversions, mergers and divisions. The tax scandals of recent years, by Swiss Leaks and Lux Leaks, followed by revelations with Panama-Papers, Bahama Leaks and Paradise Papers, showed how companies create cross-border transactions and artificial agreements to avoid or circumvent national tax legislation. The level of harmonization of company law in Europe was generally low. Member States do not have adequate tools to monitor and evaluate a cross-border operation or safeguard the interests of the main stakeholders in their national legislation when it comes to cross-border business mobility. The directive introduces measures to combat the establishment of letterbox companies in the whole internal market. However, these protections must be reasonable and proportionate and not act as a deterrent that prevents the honest entrepreneur from expanding his / her cross-border business.



European Defence Fund
(A8-0412/2018)
12:18:07 Am 32=48=
12:18:25 Am 33
12:18:54 Am 34
12:19:17 Am 35
12:19:50 Am 37
12:20:13 Am 38
12:20:26 Am 39
12:20:45 Am 40
12:21:04 Am 42
12:21:18 Am 21=41=
12:21:31 Am 43S
12:22:11 Am 31PC9
12:22:28 Am 31PC10
12:22:41 Article 25, § 2 bis, am 31PC11
12:22:59 Am 45
12:23:23 Am 1PC6
12:23:36 Article 28, am 31PC11
12:23:49 Am 47
12:24:01 Am 46
12:24:26 Proposition de la Commission
WRITTEN EXPLANATION OF VOTE (A8-0412/2018)

. – Il settore europeo della difesa deve affrontare notevoli inefficienze del mercato, connesse ad economie di scala non pienamente utilizzate (frammentazione dei mercati nazionali con acquirente unico) e duplicazione delle risorse a livello nazionale. Nonostante le recenti indicazioni positive, per quanto concerne la stabilizzazione e l'aumento dei finanziamenti nazionali a favore della difesa, sono necessari ulteriori, significativi sforzi, per massimizzare l'efficienza di tali investimenti. Nel contempo, i costi dei materiali per la difesa, in particolare nel settore R&S, sono aumentati, mentre la cooperazione tra gli Stati membri in tale ambito e per quanto riguarda gli investimenti nei materiali per la difesa, continua ad essere limitata. Tale mancanza di cooperazione tra Stati membri indebolisce ulteriormente la capacità dell'industria UE della difesa, di sostenere le capacità industriali e tecnologiche necessarie per preservare l'autonomia strategica dell'UE e soddisfare le sue esigenze di sicurezza attuali e future. In questo contesto il Fondo europeo per la difesa, deve essere concepito come uno strumento atto a promuovere la competitività e la capacità di innovazione della base tecnologica e industriale di difesa europea, contribuendo al contempo, all'autonomia strategica dell'UE.
--------
[EN] . - The European defense sector faces significant market inefficiencies, related to economies of scale that are not fully used (fragmentation of national markets with a single buyer) and duplication of resources at national level. Despite recent positive indications, as regards the stabilization and increase of national defense funding, further significant efforts are needed to maximize the efficiency of these investments. At the same time, the costs of defense materials, particularly in the R&D sector, have increased, while cooperation between Member States in this area and as regards investment in defense materials continues to be limited. This lack of cooperation between Member States further weakens the capacity of the EU defense industry, to support the industrial and technological capacities necessary to preserve the strategic autonomy of the EU and meet its current and future security needs. In this context, the European Defense Fund must be conceived as an instrument to promote the competitiveness and innovation capacity of the European defense technological and industrial base, while contributing to the strategic autonomy of the EU.



Exposures in the form of covered bonds
(A8-0384/2018)
12:24:47 Am 2


Covered bonds and covered bond public supervision
(A8-0390/2018)
12:25:05 Am 2


InvestEU
(A8-0482/2018)
12:27:50 Proposition de la Commission
WRITTEN EXPLANATION OF VOTE (A8-0482/2018)

. – Oggi ho votato a favore della proposta di regolamento che istituisce il programma InvestEU. Come programma di investimento unico per le politiche interne dell'Unione, InvestEU è al tempo stesso, uno strumento al servizio delle politiche e uno strumento di attuazione. Nella veste di strumento al servizio delle politiche, InvestEU sostiene gli obiettivi delle politiche dell'Unione attraverso la mobilitazione di investimenti pubblici e privati nell'ambito dell'UE, rimediando in tal modo ai fallimenti del mercato e alle carenze di investimenti che ostacolano il conseguimento degli obiettivi dell'UE in materia di sostenibilità, competitività e crescita inclusiva. Lo scopo è quello di finanziare soggetti economici che presentano un rischio del quale i finanziatori privati non possono o non vogliono farsi carico, al fine di promuovere la competitività dell'economia dell'UE, la crescita sostenibile, la resilienza sociale e l'inclusione e l'integrazione dei mercati dei capitali nell'UE, in linea con gli obiettivi delle politiche dell'UE in diversi settori. Con il sostegno di una garanzia dell'UE, il programma InvestEU contribuirà alla modernizzazione del bilancio dell'UE e ad aumentarne l'impatto seguendo la logica del "fare di più con meno".
--------
[EN] . - Today I voted in favor of the proposal for a regulation establishing the InvestEU program. As a single investment program for the Union's internal policies, InvestEU is both a policy service tool and an implementation tool. As a policy-serving tool, InvestEU supports the Union's policy objectives through the mobilization of public and private investment within the EU, thereby addressing market failures and investment shortages that hinder achievement of the EU's sustainability, competitiveness and inclusive growth goals. The aim is to finance economic entities that present a risk that private lenders cannot or do not want to take on, in order to promote the competitiveness of the EU economy, sustainable growth, social resilience and inclusion and the integration of capital markets in the EU, in line with the objectives of EU policies in different sectors. With the support of an EU guarantee, the InvestEU program will contribute to the modernization of the EU budget and increase its impact by following the logic of doing more with less.



European Maritime Single Window environment
(A8-0006/2019)
12:28:09 Am 63
WRITTEN EXPLANATION OF VOTE (A8-0006/2019)

. – Oggi ho votato a favore della proposta di regolamento che istituisce un sistema di interfaccia unica marittima europea. Attualmente gli operatori dei trasporti marittimi devono soddisfare una nutrita serie di requisiti in materia di dichiarazioni, ogni volta che una nave fa scalo in un porto. Il problema per gli operatori è rappresentato dalla mancanza di armonizzazione dei requisiti di dichiarazione nei vari settori che devono essere oggetto di dichiarazione, tanto all'interno di uno Stato membro quanto tra Stati membri diversi. E purtroppo ciò, comporta notevoli costi aggiuntivi per l'industria. Secondo le stime, attualmente, il personale del settore dei trasporti marittimi dedica ogni anno, in totale, circa 4,6 milioni di ore alle attività di dichiarazione. È troppo. Un'interfaccia di dichiarazione unica per le navi permetterà di ridurre sensibilmente questi oneri amministrativi che gravano sui trasporti marittimi e sono fermamente convinto, che ciò, contribuirà ad agevolare ulteriormente il commercio e la digitalizzazione e a modernizzare la mobilità marittima. Con questo regolamento stiamo finalmente creando le condizioni per una più ampia applicazione del principio "una tantum", affinché le navi debbano fare una sola dichiarazione per ogni scalo in un porto e le stesse informazioni siano riutilizzate per i successivi scali nei porti dell'UE.
--------
[EN] . - Today I voted in favor of the proposal for a regulation establishing a single European maritime interface system. Maritime transport operators currently have to meet a wide range of reporting requirements whenever a ship calls into a port. The problem for operators is the lack of harmonization of the reporting requirements in the various sectors that need to be reported, both within one Member State and between different Member States. And unfortunately this entails significant additional costs for the industry. It is estimated that maritime transport staff currently devote around 4.6 million hours to reporting activities each year. It's too much. A single reporting interface for ships will significantly reduce these administrative burdens on maritime transport and I am firmly convinced that this will help further facilitate trade and digitization and modernize maritime mobility. With this regulation we are finally creating the conditions for a wider application of the one-off principle, so that ships only have to make one declaration for each port of call in a port and the same information is reused for subsequent calls in EU ports.



Disclosures relating to sustainable investments and sustainability risks
(A8-0363/2018)
12:28:27 Am 2
WRITTEN EXPLANATION OF VOTE (A8-0363/2018)

. – Questa proposta pone le basi per un quadro dell'Unione europea che colloca le considerazioni ambientali, sociali e di governance (ESG), al centro del sistema finanziario, al fine di agevolare la trasformazione dell'economia europea in un sistema più "verde", più resiliente e circolare. Questa proposta dovrebbe finalmente garantire che i partecipanti ai mercati finanziari - società di gestione degli organismi d'investimento collettivo in valori mobiliari (OICVM), gestori di fondi di investimento alternativi (GEFIA), imprese di assicurazione, enti pensionistici aziendali o professionali (EPAP), gestori di fondi europei per il venture capital (EuVECA), gestori di fondi europei per l'imprenditoria sociale (EuSEF) e imprese di investimento - integrino le considerazioni ESG nei processi interni e informino i clienti al riguardo. La presente proposta garantirebbe anche che le imprese di investimento e gli intermediari assicurativi che forniscono consulenza tengano conto dei fattori ESG come motori della creazione di valore ai fini della consulenza fornita nel contesto dei loro obblighi nei confronti degli investitori. Inoltre, apprezzo molto che, allo scopo di facilitare agli investitori il confronto delle impronte di carbonio degli investimenti, queste regole introducono nuovi indici per le basse emissioni di carbonio e per l'impatto positivo in termini di carbonio.
--------
[EN] . - This proposal lays the foundations for a European Union framework that places environmental, social and governance (ESG) considerations at the heart of the financial system in order to facilitate the transformation of the European economy into a greener, more resilient and circular. This proposal should finally ensure that financial market participants - management companies of collective investment schemes (UCITS), alternative investment fund managers (AIFMs), insurance companies, corporate or occupational pension institutions (IORPs) , European venture capital fund managers (EuVECA), European social entrepreneurship fund managers (EuSEF) and investment firms - integrate ESG considerations into internal processes and inform clients about it. This proposal would also ensure that investment firms and insurance intermediaries providing advice take into account ESG factors as drivers of value creation for the purpose of advice provided in the context of their obligations towards investors. Furthermore, I greatly appreciate that, in order to facilitate investor comparison of investment carbon footprints, these rules introduce new indices for low carbon and positive carbon impacts.



Persistent organic pollutants
(A8-0336/2018)
12:28:47 Am 44
WRITTEN EXPLANATION OF VOTE (A8-0336/2018)

Oggi ho votato a favore del regolamento relativo agli inquinanti organici persistenti.La rifusione del regolamento relativo agli inquinanti organici persistenti (POP) è l'ultimo aggiornamento della relazione approvata per la prima volta nel 2004.Grazie al suo regolamento pioneristico REACH, l'UE è leader mondiale nella regolamentazione delle sostanze chimiche.Le modifiche allineano il testo a quello del regolamento REACH, al fine di garantire chiarezza e coerenza per tutti gli attori, inclusi i cittadini e le industrie le cui attività sono interessate dalla presente rifusione.Inoltre mirano a chiarire e, per certi aspetti, a rafforzare il nuovo ruolo dell'Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA), per garantire che le sue competenze siano pienamente sfruttate ai fini delle future decisioni in merito alle proposte di POP.
--------
[EN] Today I voted in favor of the regulation on persistent organic pollutants. The recast of the regulation on persistent organic pollutants (POP) is the latest update of the report approved for the first time in 2004. Thanks to its pioneering REACH regulation, the EU is a world leader in the regulation of chemicals. The amendments align the text with that of the REACH regulation, in order to ensure clarity and consistency for all actors, including citizens and industries whose activities are affected by this recast. clarify and, in some respects, strengthen the new role of the European Chemicals Agency (ECHA), to ensure that its competences are fully exploited for the purpose of future decisions on POP proposals.



Clearing obligation, reporting requirements and risk-mitigation techniques for OTC derivatives, and trade repositories
(A8-0181/2018)
12:29:08 Am 2
WRITTEN EXPLANATION OF VOTE (A8-0181/2018)

Oggi ho votato a favore della proposta di regolamento in questione. Nella scia della crisi finanziaria, l'UE ha adottato nel 2012, il regolamento sulle infrastrutture del mercato europeo - EMIR 1 - per colmare le carenze riscontrate nel funzionamento del mercato dei derivati negoziati fuori borsa (OTC).L'EMIR stabilisce gli obblighi fondamentali in materia di derivati OTC, CCP e repertori di dati sulle negoziazioni.Dall'esperienza maturata negli oltre quattro anni di vigenza dell'EMIR, emerge che, in generale, il quadro funziona bene e che si registrano problemi pratici di applicazione soltanto in un numero limitato di settori. La presente proposta prevede quindi una serie di modifiche mirate, in particolare per semplificare le norme e renderle più proporzionate, in modo da eliminare anche i costi e gli oneri sproporzionati a carico di determinate controparti, delle operazioni in derivati, specie le controparti non finanziarie, semplificando le regole senza compromettere gli obiettivi della normativa, offrendo nel contempo coerenza, pertinenza e valore aggiunto dell'UE.
--------
[EN] Today I voted in favor of the proposed regulation in question. In the wake of the financial crisis, the EU adopted in 2012 the regulation on the infrastructures of the European market - EMIR 1 - to fill the gaps found in the functioning of the market of derivatives traded over the counter (OTC) .EMIR establishes the fundamental obligations on OTC derivatives, CCPs and repositories of trading data.From the experience gained over the four years of EMIR's validity, it emerges that, in general, the framework works well and that there are practical application problems only in a number limited sectors. The present proposal therefore envisages a series of targeted modifications, in particular to simplify the rules and make them more proportionate, so as to also eliminate the disproportionate costs and charges for certain counterparties, of derivative transactions, especially non-financial counterparties, simplifying the rules without compromising the objectives of the legislation, while offering EU coherence, relevance and added value.



Authorisation of CCPs and recognition of third-country CCPs
(A8-0190/2018)
12:29:28 Am 2
WRITTEN EXPLANATION OF VOTE (A8-0190/2018)

. – Per le banche e le imprese europee, i contratti derivati, sono uno strumento chiave per gestire i rischi, siano questi legati a variazioni dei tassi di interesse, a fluttuazioni dei cambi o all'inadempimento di una controparte commerciale. Tuttavia, l'opacità dei mercati dei derivati ha costituito un'insidiosa via di contagio. I mercati dei derivati devono pertanto essere regolamentati e sorvegliati in modo efficace, per salvaguardare la stabilità finanziaria. Il volume delle attività delle controparti centrali (CCP) nell'UE e nel mondo è cresciuto rapidamente, sia in termini quantitativi che di ambito. La presente proposta assicura che i meccanismi di vigilanza restino al passo con questi sviluppi. Essa prevede che l'UE doti l'Unione dei mercati dei capitali, di un sistema di vigilanza delle controparti centrali più efficace e coerente, al fine di favorire l'integrazione del mercato, la stabilità finanziaria e una situazione di parità di condizioni.
--------
[EN] . - For European banks and companies, derivative contracts are a key tool for managing risks, be they linked to changes in interest rates, exchange rate fluctuations or the default of a commercial counterparty. However, the opacity of the derivatives markets constituted an insidious route of contagion. Derivative markets must therefore be effectively regulated and supervised to safeguard financial stability. The volume of CCP activities in the EU and worldwide has grown rapidly, both in terms of quantity and scope. This proposal ensures that supervisory mechanisms stay abreast of these developments. It envisages that the EU should equip the Capital Markets Union with a more effective and coherent CCP supervision system in order to promote market integration, financial stability and a level playing field.



Promotion of the use of SME growth markets
(A8-0437/2018)
12:29:48 Am 2
WRITTEN EXPLANATION OF VOTE (A8-0437/2018)

. – Oggi ho votato a favore della proposta di regolamento, relativo alla promozione dell'uso dei mercati di crescita per le PMI. Occorre fare di più per sviluppare un quadro normativo più idoneo a favorire l'accesso ai finanziamenti pubblici da parte delle piccole e medie imprese (PMI). Tale obiettivo dovrebbe essere conseguito in particolare promuovendo la denominazione "mercato di crescita per le PMI" e trovando il giusto equilibrio tra tutela degli investitori e integrità del mercato, da un lato, e rimozione degli oneri amministrativi inutili, dall'altro. I mercati pubblici dell'UE per le PMI fanno fatica ad attirare nuovi emittenti. Il numero di offerte pubbliche iniziali sui mercati dedicati alle PMI è diminuito considerevolmente nell'Unione europea, a seguito della crisi e non è più aumentato in modo significativo. Di conseguenza, l'Europa sta producendo un numero di offerte pubbliche iniziali delle PMI che corrisponde solo alla metà di quelle generate prima della crisi finanziaria. Ampliare l'accesso alle fonti di finanziamento, basate sul mercato per le imprese europee, in ogni fase del loro sviluppo, deve quindi essere un obiettivo fondamentale dell'Unione dei mercati dei capitali (UMC).
--------
[EN] . - Today I voted in favor of the proposal for a regulation on promoting the use of growth markets for SMEs. More needs to be done to develop a more suitable regulatory framework to facilitate access to public finance by small and medium-sized enterprises (SMEs). This objective should be achieved in particular by promoting the growth market name for SMEs and finding the right balance between investor protection and market integrity, on the one hand, and removing unnecessary administrative burdens, on the other. EU public markets for SMEs struggle to attract new issuers. The number of initial public offerings on SME markets has declined considerably in the European Union following the crisis and has no longer increased significantly. As a result, Europe is producing a number of initial public offerings from SMEs which corresponds to only half of those generated before the financial crisis. Broadening access to market-based sources of finance for European businesses at every stage of their development must therefore be a key objective of the Capital Markets Union (UMC).



A comprehensive European Union framework on endocrine disruptors
(B8-0241/2019)
12:30:25 Am 2
12:30:40 § 7/1
12:30:52 § 7/2
12:31:06 Am 4
12:31:20 Am 5
12:32:51 Résolution
WRITTEN EXPLANATION OF VOTE (B8-0241/2019)

. – Oggi ho votato a favore della proposta di risoluzione su un quadro completo dell'Unione europea in materia di interferenti endocrini. Il 7 novembre 2018 la Commissione ha pubblicato una comunicazione intitolata "Verso un quadro globale dell'Unione europea sugli interferenti endocrini" intesa ad aggiornare la strategia Europa 1999. Questa comunicazione dovrebbe far seguito all'impegno assunto dal Settimo programma di azione per l'ambiente, di ridurre al minimo l'esposizione nei confronti degli interferenti endocrini entro il 2015 e alle conclusioni del Consiglio del dicembre 2016, che invitavano la Commissione a intervenire finalmente in materia di sostanze chimiche dannose, compresi gli interferenti endocrini. In realtà, il documento di 11 pagine, non risponde all'urgente necessità di proteggere i cittadini dell'UE dall'ampia esposizione agli interferenti endocrini, in particolare i gruppi più vulnerabili, tra cui i bambini. Diversi Stati membri hanno ormai adottato proprie strategie nazionali in materia di interferenti endocrini. La comunicazione della Commissione non propone misure precauzionali concrete per affrontare le questioni sanitarie urgenti individuate o per colmare le lacune giuridiche riscontrate nell'ambito dei processi di revisione già intrapresi. Invece, propone un altro controllo dell'adeguatezza.Invito quindi la Commissione ad adottare rapidamente tutte le misure necessarie per garantire un elevato livello di protezione.
--------
[EN] . - Today I voted in favor of the motion for a resolution on a complete EU framework on endocrine disruptors. On 7 November 2018, the Commission published a communication entitled Towards a global framework of the European Union on endocrine disruptors aimed at updating the Europe 1999 strategy. This communication should follow up on the commitment made by the Seventh Environment Action Program, to minimize exposure to endocrine disruptors by 2015 and to the Council conclusions of December 2016, which called on the Commission to finally take action on harmful chemicals, including endocrine disruptors. In fact, the 11-page document does not respond to the urgent need to protect EU citizens from extensive exposure to endocrine disruptors, especially the most vulnerable groups, including children. Several Member States have now adopted their own national strategies for endocrine disruptors. The Commission communication does not propose concrete precautionary measures to address the identified urgent health issues or to fill the legal gaps found in the review processes already undertaken. Instead, it proposes another adequacy check and I therefore call on the Commission to rapidly take all necessary measures to ensure a high level of protection.